foto1.gif

Prove Scritte

La prima prova scritta è intesa ad accertare la padronanza della lingua italiana o della lingua nella quale si svolge l’insegnamento, nonché le capacità espressive, logico-linguistiche e critiche del candidato, consentendo la libera espressione della personale creatività.

Il candidato deve realizzare, a propria scelta, uno dei seguenti tipi di elaborati proposti dal Ministero della pubblica istruzione:

a) analisi e commento, anche arricchito da note personali, di un testo letterario o non letterario, in prosa o in poesia, corredato da indicazioni che orientino nella comprensione, nella interpretazione di insieme del passo e nella sua contestualizzazione;

b) sviluppo di un argomento scelto dal candidato tra quelli proposti all’interno di grandi ambiti di riferimento storico-politico, socio-economico, artistico-letterario, tecnico-scientifico. L’argomento può essere svolto in una forma scelta dal candidato tra i modelli di scrittura del saggio breve e dell’articolo di giornale;

c) sviluppo di un argomento di carattere storico, coerente con i programmi svolti nell’ultimo anno di corso;

d) trattazione di un tema su un argomento di ordine generale, attinto al corrente dibattito culturale, per il quale possono essere fornite indicazioni di svolgimento.

La seconda prova, per gli studenti degli istituti tecnici e professionali, si svolgerà in laboratorio e potrà durare anche più giorni, ha lo scopo di accertare il possesso delle conoscenze specifiche del corso di studi frequentato dal candidato.

La terza prova scritta negli esami di Stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria superiore, a carattere pluridisciplinare, è intesa ad accertare le conoscenze, competenze e capacità acquisite dal candidato, nonché le capacità di utilizzare e integrare conoscenze e competenze relative alle materie dell’ultimo anno di corso, anche ai fini di una produzione scritta, grafica o pratica.

La prova è costruita dalla commissione d’esame che può scegliere tra le seguenti tipologie:

A. trattazione sintetica di argomenti

B. quesiti a risposta singola

C. quesiti a risposta multipla

D. problemi a soluzione rapida

E. casi pratici e professionali

F. sviluppo di progetti

La scelta della tipologia da parte delle Commissioni deve tenere conto della specificità dell’indirizzo di studi, delle impostazioni metodologiche seguite dai candidati, delle esperienze acquisite all’interno della progettazione dell’Istituto e della pratica didattica adottata, quali risultano dal documento del Consiglio di classe.

La prova, che coinvolgerà non più di cinque discipline, deve prevedere:

A. argomenti: non più di 5

B. quesiti R/S: da 10 a 15

C. quesiti R/M: da 30 a 40

se B + C: B non meno di 8 C non meno di 16

D. problemi: non più di 2

E. casi: non più di 2

F. progetti: uno solo

All’interno della terza prova scritta deve essere previsto, ove la lingua o le lingue straniere sia o siano comprese tra le discipline dell’ultimo anno di corso, un breve spazio destinato all’accertamento della conoscenza della lingua o delle lingue straniere comprese nel piano di studi dell’ultimo anno.

ISTITUTO G. GALILEI
Via Stazione 6
18018 Arma Di Taggia (IM)
tel: 0184 42233
fax: 0184 42233
Partita IVA: 01545030080